Anima

“Possa la mia anima rifiorire innamorata per tutta l’esistenza.”

Rudolf Steiner

Non lo so dove stia l’anima.
Se sia o no dentro al cuore.
Ma so che la mia è come questo cuore che pulsa pieno di arterie e vene tutte colorate.
E al posto del sangue che scorre nascono fiori, rossi e blu.
Rosso come l’amore. Blu di vulnerabilità.
Rosso d’ardore e di passione. Blu come l’acqua calma degli abissi.
Rosso come il tramonto che si specchia sul blu del mare profondo.
Rosso di dolci parole e blu di lacrime tristi di pianto.
Rosso è il mio colore e blu i miei occhi.
(foto dal web)
Annunci

Non è grave c’è rimedio.

“Mario: Don Pablo, vi devo parlare, è importante… mi sono innamorato!
– Pablo Neruda: Ah meno male, non è grave c’è rimedio.
– Mario: No no! Che rimedio, io voglio stare malato…”

“È colpa tua se mi sono innamorato… Perché mi hai insegnato ad usare la lingua non solo per attaccare francobolli!”

Dal film “Il postino” con Massimo Troisi (stupendo film che ho recentemente avuto il piacere di rivedere).

Il rubinetto gocciola…

Ti accorgi di aver dimenticato aperto il rubinetto del cuore quando ormai è tardi. La sorgente d’acqua pura si è prosciugata, poi è finita anche l’acqua salata di lacrime, e poi ha iniziato a sgocciolare il sangue.

Hai lasciato scorrere troppa acqua pura (amore) e troppe lacrime… Per chi non ha interesse, o per chi non ci crede, o per chi il suo amore intanto lo ha dato a qualcun’altro.

E il cuore ha già iniziato a prosciugarsi lentamente, goccia dopo goccia. E ora non sai come fermarlo, sembra rotto, o forse sono i tubi dentro che perdono, quelli che non si vedono, quelli nascosti nel profondo che non mostri a nessuno.

Forse non è troppo tardi per girare la maniglia del cuore. Forse non morirà dissanguato e alla fine si salverà all’ultimo secondo anche questa volta.

Io ci provo ancora ma gocciola…

Vorrei passare tutta la vita con… una bottiglia di vino che abbia il tuo sapore e un bicchiere che non sia mai vuoto

Che stupenda dichiarazione d’amore! 😍

Fanny: C’è qualcosa che dovresti sapere di me Max: sono tanto tanto esigente e in più sono tanto tanto sospettosa, tanto tanto irrazionale, e perdo la pazienza tanto tanto facilmente, in più sono pazzamente gelosa e lenta a perdonare, volevo che lo sapessi. 

(alla fine del film) Max: Vorrei passare tutta la vita con una dea irrazionale e sospettosa, con un assaggio di gelosia furibonda come contorno, e una bottiglia di vino che abbia il tuo sapore e un bicchiere che non sia mai vuoto… 

20100116183533!Ottima_annata,_Un'

Un’ottima annata: il romanzo è opera dello scrittore inglese Peter Mayle, il film è stato interpretato da Russel Crowe, regia di Ridley Scott

Prima e dopo te

Prima respiravo soltanto, l’aria usciva ed entrava automaticamente fuori e dentro. Ora mi sembra di respirare più a fondo, assaporo meglio ogni boccata d’aria, come ad aver trovato nuovo ossigeno.

Prima vedevo soltanto, tutto mi scorreva affianco. Ora guardo, osservo, mi accorgo di un mondo nuovo che mi circonda, che è sempre lo stesso, ma che prima vedevo e percepivo solo distrattamente.

I fiori erano solo fiori, ora hanno un dolce profumo e un colore nuovo. Basta nero, blu o grigio, ma macchie brillanti di rosso, giallo, verde, azzurro… Anche i vestiti che indosso sono cambiati, e ora sono pieni di colori, fiori, farfalle. Così come la mia anima che si è colorata.

L’arcobaleno era solo un fenomeno atmosferico dopo la pioggia, ora mi sembra un dipinto nel cielo.

La pioggia era acqua che cadeva dall’alto e bagnava tutto, ora sembra linfa che crea la vita.

Il sole pareva servire solo a illuminare il mondo, ora invece risplende, e scalda la pelle.

Le nuvole erano semplici nuvole, ora sembrano prendere la forma dei miei sogni.

La luna sembrava così lontana nel buio, ma ora potrei creare una scala di stelle e sfiorarla con un dito, da quanto mi sembra vicina, e il buio non fa più paura.

Prima sentivo ma non ascoltavo. Gli uccellini cinguettavano e ora invece cantano. Il battito del cuore era un rumore di sottofondo, ora sembra comporre una dolce melodia. Le nostre canzoni erano diventate suoni che pugnalavano il cuore, ora sono tornate ad essere amabili poesie.

Vivere, pareva semplicemente esistere, ma ora sembra poesia.

DeLorean

Quando attendi qualcosa il tempo è nemico.

Ti accorgi di quanto è prezioso,

di quanto ne vorresti ancora davanti,

di quanto vorresti riprenderne indietro,

per riviverlo in modo diverso.

Esiste un destino?

O esistono semplicemente scelte che portano ad altre scelte?

Ma il tempo è amico,

quando concede nuove opportunità,

altre occasioni…

Spero di avere un sacco di occasioni ancora,

per stare con te,

per viverti davvero.

Ci sono ancora tante domande nella mia testa.

Vorrei la “DeLorean”

per andare avanti nel tempo,

e mettere fine a questa interminabile attesa,

o forse per tornare indietro,

non so bene di quanto, magari indietro di vent’anni…

all’inizio di tutto,

quando eravamo ragazzini e avevamo un sacco di scelte davanti,

che si aprivano sul nostro cammino,

che si è diviso e poi riunito.

Spero di avere ancora tanto cammino da fare con te, e non da sola.

Purtroppo non esiste una macchina del tempo,

e allora aspetto,

solo il tempo darà una risposta a tutte le mie domande.

Mi manchi

Se potessi, adesso, non ti direi “mi manchi”, ma in silenzio, ti abbraccerei stretto stretto, strettissimo, e so che tu, ascolteresti il mio silenzio e i battiti del mio cuore, e capiresti tutto, senza bisogno di parole né di altre spiegazioni. Non posso esserci adesso per te, per abbracciarti e stringerti forte, neanche per scriverti, posso esserci solo con il mio silenzio. E spero che tu lo avverta, ovunque tu sia, che io sono qui che ti sto pensando, che “mi manchi” e che mi manca non poter essere là con te. E che ti sono vicina. Nonostante questa distanza fisica a dividerci, nonostante tutto questo silenzio.

Dolceamara

Mix_cit, Memorie di una geisha, la mancanza